Il servizio del Tg3 sulla MadEurope Summer School

Il servizio del Tg3 sulla MadEurope Summer School
10 settembre 2016


La scuola estiva diretta da Riccardo Realfonzo con il patrocinio della Scuola di Governo del Territorio.
 www.madeuropesummerschool.it

Il programma della MadEurope Summer School diretta da Riccardo Realfonzo

Il programma della MadEurope Summer School diretta da Riccardo Realfonzo, con il patrocinio della Scuola di Governo del Territorio

Ecco il programma della MadEurope Summer School che si tiene a Maratea dall'8 all'11 settembre 2016.


www.madeuropesummerschool.it

Comunicato stampa
Maratea: autorevoli economisti a confronto sulle riforme Europee dopo la Brexit

MARATEA – Si terrà venerdì 9 settembre alle 21:30 in Piazzetta Dietro la Rancia a Maratea (in caso di pioggia a Villa Nitti) un dibattito pubblico sul tema delle riforme di cui avrebbe bisogno l’Europa dopo la Brexit. L'incontro è organizzato nell'ambito della MADEurope summer school promossa dal Comune di Maratea e dalla Regione Basilicata, con il patrocinio autorevole della Scuola di Governo del Territorio in programma da giovedì 8 a domenica 11 Settembre. All'incontro parteciperanno i prestigiosi economisti che insegneranno nella Summer School. Ci saranno Riccardo Realfonzo, direttore scientifico della Summer School, noto economista e docente universitario, direttore scientifico e didattico della Scuola di Governo del Territorio, fondatore della rivista economiaepolitica.it; Vincenzo Visco, ordinario di Scienza delle Finanze presso l'Università La Sapienza di Roma e ministro delle finanze e del tesoro dal 1996 al 2000, e dal 2000 al 2001, oltre che vice ministro dell’economia dal 2006 al 2008; Adriano Giannola, Presidente della SVIMEZ; Gianfranco Viesti, editorialista ed autorevole economista dell’Università di Bari; Antonella Stirati, professore ordinario di economia politica presso l’Università di Roma Tre e animatrice del centro studi Piero Sraffa; Emiliano Brancaccio, docente di politica economica ed editorialista de “L’Espresso”.
<<L’Unione Europea è una realtà straordinaria - ha dichiarato Riccardo Realfonzo - esito di un percorso avviato con i trattati di Roma degli anni cinquanta del Novecento, finalizzati ad assicurare pace e solidarietà tra i popoli di Europa, e a rafforzare le condizioni dello sviluppo democratico, sociale ed economico. Ma affinché questi obiettivi così ambiziosi si raggiungano davvero, è importante che le istituzioni europee consentano finalmente una svolta di politica economica espansiva, per una crescita economica equilibrata e ben distribuita, tale da permettere la più ampia diffusione delle condizioni di accesso al lavoro e al benessere>>. Parteciperanno al dibattito anche i rappresentati delle istituzioni regionali e locali e i 25 studenti borsisti della Summer School, selezionati a seguito di un bando pubblico, che in questi giorni avranno la possibilità di seguire lezioni sulle caratteristiche del mercato del lavoro europeo, sul quadro macroeconomico italiano all’indomani della Brexit, sulle difficoltà di tenuta dell'eurozona e sul futuro dei tanti Mezzogiorni d'Europa.


Giulio Tremonti e Riccardo Realfonzo a confronto sulla Brexit

Giulio Tremonti e Riccardo Realfonzo a confronto sulla Brexit
Radio anch'io, Rai Radio 1, 29 giugno 2016

Per Tremonti bisognerebbe tornare agli Stati nazionali, lasciando solo pochi compiti all'Europa. Per Realfonzo occorrerebbe rivedere  radicalmente i trattati, prevedendo politiche fiscali e monetarie espansive, e redistributive.


La ripresina del Sud e la necessità di nuove politiche industriali

La ripresina del Sud e la necessità di nuove politiche industriali
di Riccardo Realfonzo
Il Corriere del Mezzogiorno, 30 giugno 2016

In Campania e nel Mezzogiorno finalmente nel 2015 è tornato il segno più. Ma la ripresina è debole, incerta, messa a serio rischio dalla Brexit. Va protetta nella culla. Accanto alle decontribuzioni, servono nuove politiche industriali con incentivi mirati per le imprese. E spendere finalmente presto e bene i fondi europei.


Brexit e fine dell’euro. Il “monito degli economisti” aveva visto giusto

Brexit e fine dell’euro. Il “monito degli economisti” aveva visto giusto
di Riccardo Realfonzo
www.economiaepolitica.it, 24 giugno 2016

L’affermazione dell’“exit” al referendum britannico apre una crisi che oggi vede uscire il Regno Unito dall’Unione Europea e che in breve tempo potrebbe vedere sgretolarsi l’eurozona. È il caso di dire che i nodi vengono sempre al pettine, e per una volta nessuno potrà dire che gli economisti non avevano avvertito.


Brexit o remain? Ovvero la guerra commerciale anglo-tedesca

Brexit o remain? Ovvero la guerra commerciale anglo-tedesca
di Riccardo Realfonzo e Angelantonio Viscione
www.economiaepolitica.it, 22 giugno 2016

Gli squilibri delle bilance commerciali e i profondi processi di divergenza in atto nell’Unione Europea: sono queste le ragioni macroeconomiche di fondo del referendum sulla Brexit. Questioni con le quali, qualunque sarà l’esito del referendum, l’Europa dovrà fare i conti.

[CONTINUA A LEGGERE]

Lotta alla deflazione? Il compito della BCE è un altro

Lotta alla deflazione? Il compito della BCE è un altro
di Danilo Carullo
www.economiaepolitica.it, 6 giugno 20116

Un’analisi empirica di Brancaccio, Fontana, Lopreite e Realfonzo appena pubblicata sul Journal of Post-Keynesian Economics evidenzia che la BCE non è in grado di governare l’andamento del reddito nominale e quindi nemmeno dell’inflazione. Lo studio risulta in linea con la tesi alternativa, secondo cui il vero compito della banca centrale consiste nella regolazione del ritmo delle insolvenze all’interno del sistema economico.